Salta al contenuto
Rss




Oratorio di San Marco Evangelista (Sec. XVII)

Un altro percorso interessante nel nostro paese è costituito dalla visita ai numerosi Oratori che si trovano sia nel centro abitato che nelle campagne circostanti.
Partendo ancora una volta dalla Piazza Libertà, ci si può dirigere verso Fara Novarese, lungo la Via Cavour.
Circa a metà della stessa via si incontra l'Oratorio di San Marco Evangelista, edificato, secondo gli Atti vescovili, nel 1606 come ampliamento di un'antica cappella.
L'attuale Oratorio non venne più modificato nella sua struttura, ed anche l'abitazione privata alla quale si appoggia ad est esisteva già all'inizio del secolo XVII; probabilmente costituiva l'abitazione dell'eremita o del custode che si trova indicato nel libri di contabilità dell'Oratorio di San Marco.
La pala d'altare racchiusa entro una cornice di legno intagliata e dorata venne eseguita verso il 1615.
Un documento del 1796 la attribuisce con una certa sicurezza al pittore Pier Francesco Mazzucchelli detto il Morazzone (1573 - 1626), che proprio nel periodo tra il 1610 ed il 1615 si trovava in Valsesia, per eseguire i lavori del Sacro Monte di Varallo.
La tela raffigura in alto la Madonna con il Bambino fra le nubi e più in basso i Santi Marco e Francesco sullo sfondo di un paesaggio montano con ruscello e mulino.
L'altare originario era di legno; nel 1806 venne sostituita la balaustra, di legno, con quella attuale, di marmo.
Nel 1863 si eseguì un tabernacolo di legno sull'altare.
Il piccolo campanile terminava originariamente con un'appuntita cuspide, che, danneggiata da un fulmine, è stata di recente sostituita con una copertura in coppi.
Esso conservava una campanella, portante l'iscrizione "A FVLGVRE ET TEMPESTATE LIBERA NOS DOMINE", una delle invocazioni recitate durante la processione di San Marco per chiedere la protezione sui raccolti.
Particolare interessante, nel XVIII secolo sicelebrava in quest'oratorio la festa di Sant'Erasmo, raffigurato anche in un affresco sulla parete sinistra della chiesa. L'iconografia popolare lo rappresenta con l'elemento distintivo della manovella d'argano con un cavo attorcigliato: se, da una parte, ciò lo avvicina alla pratica marinara (Sant'Erasmo è il patrono dei marinai), dall'altra questo attrezzo viene ricollegato al suo martirio, avvenuto, secondo la tradizione popolare, mediante lo strappo delle viscere con un argano.


'Carpignano Sesia' a cura dell'Associazione Turistica Pro Loco Tratto da:
"Carpignano Sesia"
a cura dell'Associazione Turistica Pro Loco, Interlinea
Novara, 1997, tutti i diritti riservati





Inizio Pagina Comune di CARPIGNANO SESIA (NO) - Sito Ufficiale
Piazza Volontari Liberta' n.4 - 28064 CARPIGNANO SESIA (NO) - Italy
Tel. (+39)0321.824401 - Fax (+39)0321.824444
Codice Fiscale: 80005390036 - Partita IVA: 00431350032
EMail: info@comune.carpignanosesia.no.it
Posta Elettronica Certificata: carpignanosesia@pcert.it
Web: http://www.comune.carpignanosesia.no.it


|